Go to Top
  • Nessun prodotto nel carrello

Vantaggi Fiscali per le Aziende

Vantaggi del Servizio per Aziende e Imprese

I fondi sanitari coprono le esigenze di dirigenti e quadri: rimane un grande numero di lavoratori che non hanno alcuna copertura sanitaria in un momento così critico come quello attuale. 

Vantaggi per l’Azienda

  • Il contributo per l’azienda è deducibile dal reddito d’impresa
  • Maggiore valorizzazione e fidelizzazione delle risorse umane

È evidente come tale strumento consenta di prevedere un notevole risparmio dei costi dei rinnovi contrattuali e allo stesso tempo rappresenti un beneficio accolto molto volentieri dai dipendenti.

  • Migliori rapporti sindacali
  • Minore assenteismo per malattia e/o visite ed esami 

L’Azienda può anche stabilire di intervenire solo in parte al pagamento della Card, ma l’interesse che dimostra nei confronti della salute dei dipendenti non può che essere un incentivo allo spirito di gruppo che si ripercuote positivamente nelle relazioni aziendali e quindi sul rendimento produttivo.

Regime previdenziale e fiscale del servizio di check up medico offerto dal datore di lavoro ai propri dipendenti presso strutture esterne all’azienda

Le spese sostenute dal datore di lavoro qualora fornisca un servizio di check up medico ai dipendenti, anche attraverso il riscorso a strutture esterne all’azienda) sono escluse dalla formazione della base imponibile se ricorrono congiuntamente i seguenti presupporti:

  1. il servizio deve essere messo a disposizione della generalità dei dipendenti o di categorie di essi;
  2. il servizio deve perseguire specifiche finalità di assistenza sanitaria;
  3. la spesa relativa alla realizzazione del servizio deve essere sostenuta liberamente dal datore di lavoro e non costituire adempimento di uno specifico vincolo contrattualmente assunto.

Qualora l’azienda eroghi somme di denaro ai dipendenti in relazione a tali opere e servizi, le predette dovranno essere integralmente assoggettate a tassazione e contribuzione.

I fondi sanitari coprono le esigenze di dirigenti e quadri: rimane un grande numero di lavoratori che non hanno alcuna copertura sanitaria in un momento così critico come quello attuale.

Circolare Inps n. 168 del 21 dicembre 2004 e Risoluzione Agenzia Entrate n. 202/E del 29 ottobre 2003: Regime previdenziale e fiscale delle erogazioni liberali in natura. Le erogazioni liberali in natura di valore complessivo non superiore a euro 258,23, concesse dal datore di lavoro ai dipendenti in occasione di festività o di ricorrenze, sotto forma di beni o servizi o di buoni rappresentativi degli stessi, rientrano nella previsione di esclusione dal reddito imponibile. Tale esclusione dovrà tenere conto nel periodo di imposta della somma delle predette erogazioni, unitamente ai fringe benefits percepiti dal singolo lavoratore. Come stabilisce l'Art. 51 comma 3 del Tuir (Circolare Agenzia Entrate n. 59/2008)